Le due più grandi chiese di Roma San Pietro e San Giovanni

Le due più grandi chiese di Roma San Pietro e San Giovanni

Negli anni passati le chiese erano l’obiettivo principale di visita della maggioranza dei turisti di Roma. I fedeli di tutta Europa hanno fatto il lungo e faticoso viaggio verso la città eterna, soprattutto per il culto delle sette Chiese, luogo principale di pellegrinaggio per i cristiani cattolico. Tra questi le quattro basiliche patriarcali (San Giovanni in Laterano, San Pietro in Vaticano, San Paolo fuori le mura e Santa Maria Maggiore) e altre tre: Santa Croce in Gerusalemme, San Lorenzo fuori le Mura e San Sebastiano. Sono ancora tanti i pellegrini che arrivano a ROMA, non solo per il culto ma anche per ammirare la loro architettura e i tesori artistici che possiedono. In essi troverai opere di alcuni dei più grandi maestri: Michelangelo, Raffaello, Bernini, Caravaggio, Sansovino, Filippo Lippi e molti altri maestri innominati di arte musiva, affreschi. San Pietro e San Giovanni sono le due più grandi e vanno assolutamente visitate.

San Pietro

La chiesa più famosa della cristianità, San Pietro, è dedicata all’apostolo che si ritiene sia stato il primo vescovo di Roma, e come tale il primo papa. La chiesa originale di San Pietro fu dedicata nel 326, costruita sotto il patronato dell’imperatore Costantino. Nel 1452, papa Niccolò V decise di costruire una chiesa completamente nuova, che non fu completata fino alla fine del XVIII secolo. Immediatamente entrando nell’enorme interno della basilica c’è la famosa Pietà di Michelangelo , completata nel 1500 e protetta da un pannello di vetro rinforzato. Altri punti salienti di San Pietro sono il San Pietro in trono riccamente decorato ; Cappella del Sacramento, , con opere di Bernini (il tabernacolo) e Borromini (la grata di bronzo); la grande cupola progettata da Michelangelo; la ben amata statua in bronzo die sopra la tomba di San Pietro, l’altare papale, con baldacchino in bronzo – baldacchino – creato da Bernini quando aveva solo 25 anni e un capolavoro di scultura barocca. Nella navata di sinistra si trovano tombe di famosi Papi creati da importanti artisti del loro tempo, tra cui il Bernini. Altre tombe papali sono nella cripta.

San Giovanni in Lateranno

Prima che i Papi stabilissero la loro residenza in Vaticano dopo il loro ritorno dall’esilio ad Avignone , la Basilica di San Giovanni in Laterano era la residenza papale. San Giovanni in Laterano è rimasta la chiesa episcopale del Papa, così l’iscrizione sulla facciata: “Mater et caput omnium ecclesiarum urbis et orbis” (Madre e capo di tutte le chiese della città e del mondo). Iniziato nel 313 con la costruzione di una grande chiesa, fu ampliato e modificato più volte e quasi completamente ricostruito nei secoli XVI e XVII. Ma la pianta basilicale della chiesa originale costantiniana fu rispettata in questa ricostruzione barocca di Borromini.

L’ampia facciata con le sue enormi statue realizzate nel 1735 da Alessandro Galilei, è un capolavoro dell’architettura tardo barocca. Le porte di bronzo provenivano dall’antica Curia nel Forum. All’interno, il magnifico soffitto in legno risale al 16 ° secolo. Nell’abside, dietro il presbiterio, si trovano alcuni bei mosaici, copie fedeli di originali paleocristiani. Dalla navata sinistra, è possibile accedere al Chiostro , un capolavoro dell’architettura del XIII secolo dei Vassalletti, una famiglia di artisti romani. Il battistero ottagonale, San Giovanni in Fonte , fu costruito da Costantino sul sito di un ninfeo romano nel Palazzo Lateranense. È il più antico battistero della cristianità, fornendo un modello per i battisteri successivi, non solo in Italia ma in tutta Europa.

In diagonale attraverso l’ampia piazza San Giovanni in Laterano si trova la chiesa della Scala Santa con la Scala Santa, una rampa di 28 gradini di marmo (ora rivestita in legno) che si ritiene provenga dal palazzo di Pilato a Gerusalemme , portato a Roma nel IV secolo da Sant’Elena I fedeli si arrampicano in ginocchio in memoria della Passione di Cristo. L’ obelisco egiziano in piedi in Piazza San Giovanni in Laterano è il più alto e il più antico di Roma, portato da Tebe su una nave appositamente costruita nel 357.